Gruppo Alpini di Barzanò

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Direttiva Europea sulla Privacy

    Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione, le autenticazioni e altre funzioni minori. Sfogliandolo, accetti che i cookie vengano utilizzati sui tuoi dispositivi.

    Visualizza Direttiva

Home

Assemblea annuale dei soci 2019

E-mail Stampa

Domenica 20 gennaio si è svolta presso la nostra baita l'Assemblea annuale del Gruppo Alpini di Barzanò con l'elezione del nuovo Consiglio di Gruppo e del Capogruppo. La riunione, momento d'incontro per tutti i soci, ha avuto lo scopo di tracciare un bilancio delle intense attività svolte nell'anno appena trascorso e di porre le basi per iniziare insieme il percorso di un nuovo anno sociale.
L'incontro era stata preceduto dalla numerosa presenza degli Alpini alla S. Messa in memoria di coloro che sono andati avanti, cerimonia celebrata presso la Chiesa Parrocchiale di Barzanò la sera del sabato, con il vibrante accompagnamento della corale Lorenzo Perosi che ha eseguito, tra l'altro, alcuni brani dal repertorio alpino.

ass2019b ass2019a

Ritrovarsi in baita è come sempre anche l'occasione, per alcuni soci che non lo avevano ancora fatto, di rinnovare la tessera dell'associazione per il nuovo anno.
L'assemblea è stata aperta dal Presidente Onorario Antonio Scaccabarozzi, che dopo il benvenuto a tutti i partecipanti, ha esposto la sua interessante relazione morale, relazione che è possibile leggere alla fine di questo articolo.
Durante la lettura, ha invitato i presenti a salutare calorosamente il socio Alpino Ivano Vukmirovic, che per motivi di salute lascia l'impegno che ha sempre mantenuto nel Consiglio, rimanendo peraltro sempre disponibile a non far mancare il suo insostituibile apporto alla comunicazione e ai contenuti multimediali del Gruppo, e ha proposto la sua nomina a "Socio Benemerito", iniziativa subito accolta da tutti.

Il Presidente ha poi lasciato la parola al Capogruppo uscente Francesco Motta che ha tracciato il percorso e le iniziative che hanno caratterizzato l'anno appena trascorso e ha posto in risalto i programmi e le sfide che il Gruppo sarà portato ad affrontare nel 2019 (Le cose fatte e da fare, dalla relazione del Capogruppo, possono essere lette in calce a questo articolo).

Dopo la relazione del tesoriere Sergio Perego, sulla situazione finanziaria, è intervenuto Marco Magni, l'instancabile Presidente della Sezione di Lecco. Magni ha aperto una panoramica sulle più ampie attività della Sezione ponendo l'accento sulla nuova iniziativa, nata in collaborazione con la sezione di Milano, di un Campo Scuola intersezionale rivolto a ragazze e ragazzi di 4°, 5° elementare e 1° media, che vogliano condividere i nostri valori Alpini.
Nel frattempo, tutti gli intervenuti, hanno posto nell'urna la scheda per la scelta del nuovo Consiglio di Gruppo e subito dopo, l'assemblea ha rieletto per acclamazione Francesco Motta all'impegno di un nuovo mandato triennale.

Alla chiusura dell'incontro ha fatto seguito un rinfresco di aperitivo che è servito da prologo al momento conviviale presso il ristorante Simposio di Inverigo.

Qui di seguito, la relazione morale del Presidente Onorario Antonio Scaccabarozzi e la relazione del Capogruppo Francesco Motta, all'assemblea annuale del Gruppo Alpini di Barzanò.

Relazione morale del Presidente Onorario alla assemblea annuale del Gruppo Alpini di Barzanò.

Carissimi Alpini e Amici, ancora una volta ho il piacere, l’onore e il privilegio di porgervi il più cordiale e fraterno saluto di benvenuto alla nostra assemblea annuale.

Un saluto e un particolare ringraziamento al nostro presidente sezionale, Marco Magni, e al consigliere sezionale Giancarlo Frigerio che con la loro presenza rendono particolarmente significativo questo nostro incontro.
Come sempre abbiamo iniziato questa assemblea rendendo gli onori alla Bandiera che non è solo un rettangolo di stoffa tricolore ma l’espressione della nostra unità nazionale costruita con grandi sacrifici dalle generazioni che ci hanno preceduto facendoci eredi e custodi dei più alti valori che dovrebbero animare la società civile.
Con il cuore e la mente rivolti a queste generazioni e ai nostri soci che ci hanno lasciati e sono andati avanti: Bianchi Vincenzo, Crippa Maurizio, la nostra Madrina Maggioni Adele, Tosetti Mario, Bonfanti Pierluigi (in forza al Gruppo di Viganò), Agostino Ripamonti, osserviamo un minuto di raccoglimento.

Purtroppo vi devo segnalare che ci è giunta la notizia della improvvisa scomparsa dell’Avvocato Cesare Lavizzari a soli 54 anni.
Cesare Lavizzari, milanese è stato per dodici anni consigliere nazionale e per un anno vice Presidente nazionale, era una delle menti più brillanti della Famiglia alpina - profondo conoscitore degli aspetti normativi della vita dell’Ana - era da tutti apprezzato per la sua franchezza e per la sua capacità di essere criticamente costruttivo.

Prima di riprendere la mia relazione, considerato che lo scrutinio sarà piuttosto lungo e laborioso, propongo di iniziare da adesso le operazioni di voto prima delle quali dobbiamo nominare tre scrutatori.
Si sono resi disponibili per questo servizio: Alessandro Frigerio, Marino Pulici e Stefano Cazzaniga.
Chi è d’accordo su questi tre nomi alzi la mano, idem chi non è d’accordo e chi si astiene.
Ricordo che si possono esprimere al massimo 10 preferenze.
Mentre gli scrutatori fanno il loro lavoro possiamo andare avanti con il nostro programma.

Un affettuoso pensiero va ai nostri associati che, per motivi di salute, non hanno potuto partecipare a questa assemblea che quest’anno assume particolare importanza in quanto in base ai risultati delle votazioni che abbiamo appena effettuato avremo il nuovo consiglio direttivo e quindi assegnati i vari incarichi per i prossimi tre anni.

Entusiasmo, costanza e determinazione sono gli aggettivi che bene si coniugano con l’operato del consiglio uscente che, nel corso del suo mandato, ha dato il meglio di sé in una sana competizione finalizzata a fare sempre di più e sempre meglio dimostrando grande coerenza con i principi che animano la nostra associazione.
Un doveroso ringraziamento al nostro Capogruppo, Francesco Motta, per l’assidua presenza in prima linea a tutte le nostre iniziative - che poi ci illustrerà nella sua relazione - e a tutti i soci e non soci che con grande entusiasmo hanno partecipato alle nostre attività.

Un pensiero affettuoso va alle "nostre donne" che, con grande pazienza, ci hanno supportato e sopportato condividendo le nostre fatiche.

Il triennio scorso è stato decisamente positivo, siamo stati capaci di rimanere coesi e di superare le inevitabili difficoltà che si incontrano quando ci si dà da fare dimostrando che lo "Spirito Alpino", ovvero lo spirito di condivisione che anima senza distinzione Alpini, Amici e Simpatizzanti ha fatto da forza motrice e ha reso più sicuro il nostro cammino associativo.
Naturalmente non possiamo sederci sugli allori.
Tra gli obiettivi prioritari vedo la necessità di una concreta alternanza delle varie mansioni, coinvolgendo sempre più le giovani generazioni, per cui faccio appello alla disponibilità di tutti per raggiungere questo scopo.

Il percorrere questo cammino ci è costato impegno e fatica ma ci ha aiutati a crescere e a fare crescere la nostra associazione dimostrando che, nonostante i tempi di grande confusione che stiamo vivendo, è possibile riaffermare i valori che sono le fondamenta della nostra società mettendo in prima fila la solidarietà e la disponibilità nei confronti di chi ha bisogno della nostra attiva presenza e del nostro aiuto.
Se è vero che abbiamo fatto qualcosa di buono e se abbiamo qualche merito dobbiamo essere consapevoli che tutto questo è il frutto dell’eredità morale lasciataci da coloro che ci hanno preceduti nell’ambito del nostro Gruppo e il quello più grande della Associazione Nazionale Alpini consegnandoci uno zaino pieno di responsabilità ma, ancor più, carico di buoni esempi che ci incoraggiano a perseverare.
Si tratta di una moltitudine di persone dalle quali emergono personaggi che, come un faro, sono un preciso punto di riferimento per tutti noi.

Il fine settimana scorso abbiamo partecipato al triduo in onore del Beato Don Carlo Gnocchi presso il Santuario di Lezzeno: il rileggere e il risentire la storia della Sua vita, di Sacerdote e di Alpino, è stato un momento di riflessione che ci ha dato una rinnovata carica.

Concludo ringraziando di cuore tutti i consiglieri uscenti per la loro disponibilità a ricandidarsi e i nuovi candidati, Dario Gatti e Sergio Sala.
Un solo consigliere uscente ha chiesto di non essere inserito nella lista dei candidati per il triennio 2019/2021 promettendo che continuerà a svolgere il suo lavoro prezioso.
Abbiamo accettato di buon grado la sua richiesta ben conoscendo l’entusiasmo, la puntualità, la passione e la tenacia che lo animano.
Il suo operato è ben visibile con i fotolibri, con il medagliere, con la raccolta di un centinai di CD, tutti ben catalogati, riportanti i documenti che testimoniano la nostra storia dalla fondazione ad oggi e tante altre attività.
Naturalmente sto parlando di Ivano Vukmirovic e il minimo che possiamo fare è di nominarlo con un caloroso applauso "Socio Benemerito".

A proposito di nomine, ricordo che alla prossima assemblea, come deliberato dalla assemblea dello scorso anno, dovremo nominare il Presidente Onorario che durerà in carica tre anni.
Sono profondamente convinto che l’alternanza crei nuove opportunità, nuove idee e rinnovato slancio per cui vi invito a pensare già da ora a chi potrebbe assumere questo incarico.

Già nell’aria si sente parlare del 95° di fondazione del nostro gruppo con tutte le iniziative e cerimonie che renderanno solenne questo anniversario che richiederà tanta buona volontà e buona salute.
Sarebbe bello in questa occasione avere al nostro fianco la Madrina del Gruppo, purtroppo la Signora Adele ci ha lasciati per cui dovremo trovare una donna altrettanto degna di questo incarico.
Cominciamo a pensare anche a questo.

Grazie e buona assemblea a tutti.
Viva gli Alpini, viva l’Italia, viva il Gruppo di Barzanò.

Relazione del Capogruppo Francesco Motta.

Carissimi Alpini, Amici degli Alpini e Simpatizzanti, un ben ritrovati a tutti.

L’assemblea annuale che oggi ci vede riuniti, chiude il triennio 2107/2019 di questo direttivo, e come ho già dichiarato e verbalizzato nel consiglio del 11 gennaio ho dato la mia disponibilità per essere il prossimo Capogruppo salvo che ci siano altre candidature. Il primo anno è stato piuttosto impegnativo per capire il funzionamento, poi piano piano come in tutte le cose si prende la mano quindi ritengo questa assemblea di oggi con le votazione per il rinnovo del direttivo il momento più significativo del nostro Gruppo, ricordiamo che l’assemblea annuale non è solo un momento per poterci ritrovare e discutere di quanto abbiamo fatto e di quello che ci proponiamo di fare per l’anno in corso ma che per ogni Gruppo è un obbligo dettato dal nostro statuto dell’ANA nazionale (oltre al bilancio e al tesseramento che devono risultare in ordine).
Oggi infatti faremo il bilancio, non solo economico della nostre attività relative al 2018, ma presenteremo il programma delle iniziative da intraprendere nel corso del 2019 per le quali abbiamo preparato un calendario. che chi vuole lo può già ritirare oggi qui in baita e sarà possibile riceverlo via mail e lo trovate sempre esposto nelle nostre bacheche sia quella fuori dalla baita che quella che abbiamo in piazza. 

Presentazione della Forza del Gruppo al 31/12/2018: Alpini iscritti 110, siamo uno in meno rispetto al 2018. L’alpino Brambilla Gianni non ha rinnovato mentre gli Amici degli Alpini sono in 27, abbiamo uno iscritto che è Panzeri Emilio. Ricordiamo che abbiamo due Alpini in armi che sono: Spreafico Riccardo che è il figlio del nostro consigliere Spreafico Enrico e Frigerio Pietro che è figlio del nostro Alpino Frigerio Sergio.

Argomenti significativi del 2018:

Gennaio l’argomento principale del mese è stata l’assemblea annuale del nostro del Gruppo, mentre per quanto riguarda la cucina abbiamo acquistato uno scaldavivande nuovo perché quello che avevamo non era più idoneo. L’acquisto era in previsione già da un pò di tempo con un costo di euro 1.720.

Marzo Cena fagiani offerti da un nostro alpino, quanto raccolto è andato a favore del nostro concittadino Marcello Maggioni per la sua missione che si trova in Kenya. È il fratello di Luigi Maggioni il nostro alfiere che oggi non è con noi perché anche lui è andato per 3 mesi in questa missione per collaborare alla realizzazione di alcune opere che hanno in progetto.

Scuola Primaria: da parte della direzione scolastica ci è stato chiesto per il periodo che va dal 15 Gennaio sino la 24 Aprile per un totale di16 volte con almeno 2 accompagnatori per collaborare con le insegnati nel accompagnare gli alunni delle varie classi con una classe per volta per il tragitto che va dalla Scuola alla biblioteca, nel percorso sia di andata che di ritorno con un impegno di circa due ore per volta, (sono 64 ORE complessive ) e hanno preso questo incarico alternandosi secondo la loro disponibilità Valentino Riva - Marco Fumagalli e Carlo Beretta, che voglio ringraziare a nome di tutto il nostro Gruppo. Proprio in questi giorni ci è stato chiesto di ripetere questo servizio anche per questo anno chiedo se qualcuno vuole affiancare Marco, Valentino, e Carlo per fare questo servizio attualmente, il calendario con i giorni del servizio c’è l'ha Valentino.
Sempre per la scuola primaria il 16/04 abbiamo accompagnato circa 70 ragazzi di 5° con i loro coetanei Francesi di Mézières dalla scuola alla Libreria Perego sia in andata che in ritorno con un turno di 6 accompagnatori al mattino e uno turno di 6 al pomeriggio, perché il regolamento della scuola prevede almeno un accompagnatore ogni 15 ragazzi.

Scuola Primaria: Visita delle classi 5° in baita il 30 Maggio con la presenza di 46 alunni e un buon numero di alpini, abbiamo iniziato con il saluto ai ragazzi da parte Ivan Piazza che è uno dei responsabili della sezione di Lecco che si presta per questo tipo di eventi. Alza bandiera e l’inno di Mameli poi la presentazione del DVD dell’ANA Nazionale dal titolo: "Ma chi sono questi Alpini". Alla fine abbiamo offerto a loro la custodia con una matita e una biro con il logo del nostro Gruppo oltre ad aver preparato un piccolo rinfresco per i ragazzi. 

Scuola Media: Visita alla linea Cadorna e a forte Montecchio. Nel 2018 la scuola per loro ragioni interne non hanno voluto inserire nel loro calendario questa escursione dovrebbero reinserirla nel calendario del 2019, so che Giancarlo ha avuto contatti con la scuola per il 2019.

Adunata a Trento Sabato 12 e Domenica 13 Maggio. Quest’anno siamo andati senza il Gruppo di Cassago in totale eravamo in 51 sul pullman e con al seguito una macchina che ci ha raggiunti al Sabato pomeriggio e un'altra alla domenica mattina. Sabato visita guidata al castello di Thun località Vigo di Tonn e nel pomeriggio trasferimento a Predaia per visitare l’Abazia di San Romedio e San Zeno e arrivo nel tardo pomeriggio a Dimaro all’Hotel San Camillo. L'organizzazione dei due giorni è stata piuttosto impegnativa dovuto al fatto che è stato abbastanza difficoltoso trovare un Hotel in montagna che ospitasse un numero di persone rilevante come il nostro gruppo.

Il 15 Giugno, giorno di San Vito patrono di Barzanò, si è esibito in piazza Mercato il Coro dell’Adda che uno dei cori che fa parte della Sezione di Lecco ho chiesto ai responsabili della Pro Loco che avremmo voluto ospitato NOI in baita il Coro per il rinfresco a fine serata in effetti così è stato.

38° Festa Alpina: Mostra sulla 1° Guerra Mondiale, per questo argomento chiedo al nostro Presidente Antonio di riferire in merito. Abbiamo avuto un discreto utile della festa Alpina leggermente inferiore all’anno precedente (ricordiamo che nel 2017 abbiamo avuto una serata in particolare con un incasso superiore alla media e che il cassiere Sergio P. ci riferirà nella sua relazione finanziaria). Abbiamo avuto qualche problema con il nostro fornitore principale a causa della loro situazione interna abbiamo iniziato la festa ma non avevamo in mano i prezzi definitivi degli articoli principali cioè costine, calamari e rane, i quali potevano avere una variazione di prezzo settimanale in funzione della richiesta di mercato di quel momento e che veniva applicato il prezzo al banco al momento del ritiro della merce e che avrebbero applicato uno sconto del 15% sul tutta la fornitura globale.
Per il risultato che anche questo anno siamo riusciti a raggiungere dobbiamo ringraziare tutti gli Alpini, gli Amici degli Alpini e in particolare tutti i Volontari che ci danno una mano durante la festa, a loro va il nostro grazie, con il ricavato della festa abbiamo elargito un contributo di euro 3.500 per i CDD oltre ad altri contributi minori per altre associazioni del paese.

Nota: chi era presente lo scorso all’assemblea si voleva intraprendere i lavori per risolvere il problema dell’umidita del muro esterno della Baita che oltre a fare scrostare la vernice sta sgretolando l’intonaco, quindi Raffaele Perego, Marco Rocca, Stefano Cazzaniga, e Alessandro Frigerio hanno individuato con la ditta Mistò che tipo di soluzione adottare e i relativi costi che come vi avevo già riferito si aggirano sui 17°000,00 euro. Purtroppo nel frattempo abbiamo evidenziato un altro problema della Baita. Tra le perline di legno all’interno della baita e le tegole del tetto l’isolamento esistente si sta sgretolando quindi si è deciso di spostare in avanti i lavori per poter eseguire nello stesso momento entrambi i lavori di sistemazione, in modo che anche noi possiamo avere a disposizione una maggiore disponibilità finanziaria per eseguire i lavori quindi cedo la parola a chi ha fatto le verifiche per relazionare sulla parte tecnica e sui costi.
Sempre in tema di Festa Alpina ricordiamo che il Venerdì sera della 2° festa quella del CDD prepariamo il pranzo/cena per circa 150 -160 persone costo a carico degli alpini, vi ricordo che l’anno scorso erano 130 -140, e che per il nel 2019 su richiesta della responsabile del CDD la Maria Adele Corbetta ci ha chiesto di spostare la cena di fine anno del CDD al mezzogiorno del Venerdì non più alla sera.
Anche quest’anno abbiamo ospitato un pomeriggio circa 60 ragazzi della scuola estiva, con il nostro presidente Antonio che ha illustrato il significato di appartenenza al gruppo Alpini e della Baita dei contributi che andiamo ad elargire con il ricavato della festa, hanno visitato la mostra sulla prima guerra mondiale che era allestita in questa sala e alla fine come consuetudine abbiamo offerto a loro la merenda. 

A fine luglio escursione al forte di Oga e al Rifugio Pizzini e al Passo Zebrù, tutto questo in collaborazione con gli amici del CAI che sono i principali artefici di questa escursione. Sabato mattina visita al forte di Oga e nel pomeriggio ci siamo trasferiti a Santa Caterina Valfurva località i Forni per raggiungere il Rifugio Pizzini la domenica escursione con una guida abbiamo raggiunto il Passo Zebrù per visitare le trincee e poi abbiamo iniziato la discesa verso la località i Forni per poi arrivare a Santa Caterina

Processione con la Madonna Domenica 7 Ottobre per la vie del paese.

Il 5 Ottobre coldarroste alla scuola materna in concomitanza con la festa dei Nonni come richiesto dalla responsabile della scuola.
Caldarroste per la scuola primaria Sabato 20 Ottobre in piazza mercato in collaborazione con i genitori degli alunni della scuola.
Coldarroste in baita il 14 ottobre, in sostanza l’utile che abbiamo ricavato dalle caldarroste che abbiamo fatto in baita è andato a coprire le spese per l’acquisto delle castagne per tutti e tre i vari eventi perché sia il ricavato per la scuola materna che alla scuola primaria è andato a loro.

Manifestazione del 3 e del 4 Novembre: sabato 3 novembre alle 19.00, come indicato dall’ANA nazionale, ci siamo trovati la monumento dei caduti per leggere la lettera che il che il Presidente nazionale Sebastiano Favero ha inviato a tutti i gruppi eravamo presenti in 20 circa.
Domenica 4 Novembre: buona la partecipazione sia da parte nostra che da parte di rappresentanti di altri corpi d’arma e anche da parte della cittadinanza manifestazione gestita dal nostro Gruppo Giovani a Raffaele P. e Stefano C. è stato assegnato l’incarico di gestirla e con circa 25 ragazzi della classe 5° della scuola primaria. In generale è stata una buona manifestazione, a parte il microfono che non funzionava perfettamente, e con i ragazzi di 5° che con le loro insegnanti hanno preparato dei loro argomenti sul tema, mentre su indicazione di Raffaele P. durante la cerimonia abbiamo letto tutti i nomi dei caduti Barzanesi della 1° Guerra mondiale prendendo spunto dal libro che Raffaele Colombo ha scritto sui caduti Barzanesi.

Cazzuola con Senior e Junior previste per Novembre non sono state effettuate perché le nostre cuoche erano indisposte. Erminia ha subito un intervento al ginocchio che era programmato mentre Enrica è caduta 10 giorni prima della data delle cazzuole e ha dovuto ingessare un braccio, se riusciamo volevamo proporle verso fine Marzo inizio di Aprile vediamo.

7 dicembre abbiamo preparato la polenta taragna per 250 persone per un evento organizzato dalla scuola materna all’Oratorio Paolo VI.
13 dicembre Benedizione in Baita con Don Renato scambio di auguri tra i presenti. 
15 dicembre concerto di Natale della banda Sezionale di Lecco che si è svolto a Varenna, una studente di Barzanò ha vinto il premio della Borsa di studio Ugo Merlini.
19 dicembre Babbo Natale sempre per la scuola primaria si è svolto all’Oratorio Paolo VI. Ringraziamo il nostro alpino Filippo Crippa che si è vestito da Babbo Natale anche se fresco di operazione al ginocchio,
Sabato 22 dicembre abbiamo collaborato con la Pro Loco per la distribuzione della Trippa alla palestra della scuola primaria.

Voglio ringraziare chi gestisce il Sito del nostro Gruppo, e quelli della pagina Facebook e chi gestisce la posta elettronica del nostro Gruppo che sono Enrico S. Stefano C. e Ivano V.
Concludo la presentazione di quanto fatto nel 2018 ringraziando tutti coloro che in un modo o nell’altro collaborano con noi per la piena riuscita delle nostre iniziative e dei nostri eventi, un grazie va ai consiglieri attuali e a quelli futuri chiedo un preciso impegno nelle loro cariche per riuscire a portare a termine quanto verrà programmato nel 2019 relativo alle varie iniziative del Gruppo, rivolgo un ulteriore grazie ai consiglieri che non sono Alpini ma che sono fondamentali per il nostro gruppo e a quelli alpini che non fanno parte del consiglio ma che sono sempre a disposizione con il loro aiuto.

Grazie a tutti

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Giugno 2019 18:16  

Produzioni

Libro 85°

Libro 90°