Gruppo Alpini di Barzanò

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Direttiva Europea sulla Privacy

    Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione, le autenticazioni e altre funzioni minori. Sfogliandolo, accetti che i cookie vengano utilizzati sui tuoi dispositivi.

    Visualizza Direttiva

Home La Grande Guerra La Storia La Grande Guerra

La Grande Guerra

E-mail Stampa

 “Soldati e prigionieri italiani nella prima guerra mondiale"; è un saggio sulle condizioni dei soldati italiani durante la Grande Guerra, arricchito da un’appendice di lettere inviate a casa dai ragazzi al fronte. Lettere censurate, arrivate con parti mancanti o addirittura mai giunte a destinazione, conservate per quasi un secolo negli Archivi di Stato. Lettere che testimoniano la sofferenza della guerra; soldati che partiti con fulgidi ideali si ritrovarono nelle trincee ad affrontare una realtà inattesa e terribile.
Mi ha colpito, in particolare, questa lettera di un figlio in risposta alla propria madre:


“… nella tua ultima mi parli troppo di Dio. Povero vecchio e buon Dio! … La madre austriaca e la madre italiana pregano, per i rispettivi figli, lo stesso Dio di pace, di amore e di altre simili cose. A chi dovrebbe dar retta Dio?? Lascialo in pace il povero vecchio!”

Parole che trovano ancora eco oggi, a 100 anni di distanza: l’uomo continua a distruggere se stesso in nome di un Dio che mai potrebbe approvare tanto impegno distruttivo in Suo Nome e resta, invece, proprio Lui il bersaglio della stupidità umana e quella che segue ve ne rende dimostrazione...


Erano stati nel grembo di una madre 9 mesi, gli ultimi nati in Italia nell'anno 1899:

si erano affacciati al sapere alle scuole elementari;
molti avevano frequentato le medie per aprirsi alla conoscenza del mondo;

alcuni si erano spinti ai confini della scienza con la laurea e tutti speravano in un radioso futuro.
Poi, senza capirne i motivi, ne’ sapere fino all'ultimo chi erano i nemici, dissero loro che,
"per la difesa del buon diritto," bisognava levare al cielo un grido: " viva la guerra !!! "

La causa scatenante della 1^ guerra mondiale fu l’assassinio del futuro erede al trono austriaco, l’arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo; l’attentatore era uno studente bosniaco, Gavrilo Princip.
L’Austria inviò alla Serbia un ultimatum, imponendo la partecipazione di funzionari austriaci alle indagini dell’attentato; la Serbia non accettò e l’Austria, il 28 luglio 1914, le dichiarò guerra.

L’Italia, il 26 aprile 1915, per mano del ministro Sidney Sonnino firmò il patto di Londra: chiudeva i rapporti con la Triplice Alleanza e s’impegnava a entrare in guerra entro breve tempo.
Il Capo di Stato Maggiore, Luigi Cadorna,
appresa la notizia, comunicò che l'esercito non sarebbe stato pronto prima di un mese; il Generale era anche convinto che nel giro di un mese il suo esercito avrebbe raggiunto Trieste.
Anche il Presidente del Consiglio, Antonio Salandra, interrogato da Francesco Saverio Nitti, nell'estate del 1915 circa le attrezzature invernali dell'Esercito, rispose: "Credi che la guerra possa durare oltre l'inverno?" (
fonte P. Melograni, "Storia politica della Grande Guerra 1915-18")

Nessuno sembrava aver preso in considerazione diverse relazioni inviate dall’attaché (addetto) militare a Berlino, Luigi Bongiovanni, sulle condizioni di questo conflitto che a suo giudizio, dopo poche settimane di combattimenti, si sarebbe trasformato in una guerra di posizione logorante, immobile, con scavi di trincee e fronti difficili da spostare. Tutti, invece erano del parere che questa guerra sarebbe durata poco tempo, nella convinzione di essere ben preparati e più forti anche in virtù della presenza di altre potenze a fianco.

Il 20 maggio l'Imperatore d’Austria-Ungheria, Francesco Giuseppe ordinò lo stato d'allarme.
Tre giorni dopo, il re Vittorio Emanuele III,
inviò all'Imperatore Francesco Giuseppe, tramite l'ambasciatore italiano a Vienna, la dichiarazione di guerra, comunicando che il giorno successivo, il 24 maggio 1915, sarebbero iniziate le operazioni dell'esercito italiano lungo il confine.

La strategia dello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano prevedeva sia un piano di offesa che di contenimento lungo un arco che partiva dal Passo dello Stelvio sino alla zona orientale della pianura friulana, per 600 chilometri; il fronte più occidentale aveva carattere difensivo mentre gli altri quattro, dal Cadore fino alla zona di Cervignano del Friuli, erano offensivi.

Nel giro di un solo mese, il conflitto assunse vaste proporzioni; si formarono due schieramenti: da una parte Austria e Germania, Bulgaria e Impero Turco, dall’altra prima Francia Inghilterra e Russia (Triplice Intesa) al fianco della Serbia; alleate, scesero in guerra anche il Giappone e gli Stati Uniti, che portò con sé altri Paesi, con i quali si formarono gli “Alleati”.

Basta scorrere, di seguito, la cronologia delle dichiarazioni di guerra delle Nazioni coinvolte in questo conflitto, per meglio comprendere l’appellativo di “Grande Guerra”, quella che è stata la prima guerra mondiale, ora ricordata come la Grande Guerra.

 

LE DICHIARAZIONI DI GUERRA – CATASTROFI ANNUNCIATE

Il filosofo francese Jan Jaurès, impegnato in una battaglia pacifista per far valere il dialogo e i mezzi diplomatici fra le potenze che si avviavano alla catastrofe di quella che sarebbe stata questa guerra, espresse queste parole:

< Quando gli orrori della guerra si manifesteranno, quando il tifo compirà l'opera cominciata dalle granate, quando la morte e la miseria li colpiranno, gli uomini, passata l'euforia, si volgeranno verso i dirigenti tedeschi, francesi,russi, italiani e
domanderanno loro: come giustificate tutti questi cadaveri? >

Jan Jaurès fu assassinato proprio il giorno il 28 luglio poche ore prima della dichiarazione di guerra dell'Austria alla Serbia; simbolicamente fu l'uccisione di ogni residua speranza di pace.

ANNO 1914
28 luglio              Austria-Ungheria dichiara guerra alla Serbia;
1 agosto             Germania dichiara guerra alla Russia;
3 agosto             Germania dichiara guerra alla Francia;
4 agosto             Regno Unito dichiara guerra alla Germania, per aver invaso il Belgio neutrale,
5 agosto             Montenegro dichiara guerra all'Austria;
6 agosto             Austria dichiara guerra alla Russia;
6 agosto             Serbia dichiara guerra alla Germania;
8 agosto             Montenegro dichiara guerra alla Germania;
12 agosto            Francia e l’Inghilterra dichiarano guerra all'Austria;
23 agosto            Giappone dichiara guerra alla Germania e all’Austria;
28 agosto            Austria dichiara guerra al Belgio;
4 novembre          Russia e la Serbia dichiarano guerra all'Impero Ottomano;
5 novembre          Francia e il Regno Unito dichiarano guerra all'Impero Ottomano.

ANNO 1915
23 maggio           Italia dichiara guerra all'Austria;
21 agosto            Italia dichiara guerra all'Impero Ottomano;
14 ottobre           Bulgaria dichiara guerra alla Serbia;
15 ottobre           Regno Unito dichiara guerra a Montenegro e Bulgaria;
16 ottobre           Italia e la Francia dichiarano guerra alla Bulgaria.

ANNO 1916
9 marzo              Germania dichiara guerra al Portogallo;
15 marzo            Austria-Ungheria dichiara guerra al Portogallo;
27 agosto           Romania dichiara guerra all'Austria-Ungheria;
28 agosto           Italia dichiara guerra alla Germania;
28 agosto           Germania dichiara guerra alla Romania;
30 agosto           Impero Ottomano dichiara guerra alla Romania;
1 settembre        Bulgaria dichiara guerra alla Romania.

ANNO 1917
2 aprile              Stati Uniti d'America dichiarano guerra alla Germania;
7 aprile              Panama e Cuba dichiarano guerra alla Germania;
27 giugno          Grecia dichiara guerra ad Austria-Ungheria, Bulgaria, Germania e Impero Ottomano;
22 luglio            Siam dichiara guerra ad Austria-Ungheria e Germania;
4 agosto            Liberia dichiara guerra alla Germania;
14 agosto          Cina dichiara guerra ad Austria-Ungheria e Germania;
26 agosto          Brasile dichiara guerra alla Germania;
7 dicembre        Stati Uniti dichiarano guerra all'Austria-Ungheria;
10 dicembre       Panama dichiara guerra all'Austria-Ungheria;
16 dicembre       Cuba dichiara guerra all'Austria-Ungheria.

ANNO 1918
23 aprile             Guatemala dichiara guerra alla Germania;
08 maggio          Nicaragua dichiara guerra alla Germania e all'Austria-Ungheria;
23 maggio          Costarica dichiara guerra alla Germania;
12 luglio             Haiti dichiara guerra alla Germania;
19 luglio             Honduras dichiara guerra alla Germania.
3 novembre        Reparti italiani entrano a Trento e Trieste: a Villa Giusti, presso Padova, L’Austria-Ungheria, firma l’armistizio con l’Italia.
4 novembre        il Maresciallo Armando Diaz, comandante in capo dell'esercito italiano, trasmette l’ultimo bollettino di guerra comunicando all'intero Paese la conclusione del conflitto.

 

SACRIFICI DI SANGUE


La sintesi più commovente di ciò che questa guerra ha significato per chi l'ha vissuta, è contenuta in questa poesia, che si dice fosse scritta su un pezzo di carta rinvenuto nelle tasche di un soldato italiano che ha perso la vita sulle Dolomiti, poi scolpita da uno sconosciuto nella pietra all’ingresso della Galleria del Castelletto alle Tofane: 

La Grande Guerra

Tutti avevano la faccia del Cristo nella livida aureola dell'elmetto,
tutti portavano l'insegna del supplizio nella croce della baionetta,
nelle tasche il pane dell'Ultima Cena e nella gola il pianto dell'ultimo Addio”.

era uno dei 680.000 ultimi addio...



MOBILITATI MORTI E DISPERSI

Stato belligerante             Mobilitati                        Morti

Italia                                        5.615.000                         750.000
Francia                                    7.835.000                      1.400.000
Regno Unito                             5.704.416                         774.702
Belgio                                         365.000                          40.936
Portogallo                                   100.000                             4.000
Russia                                   15.070.000                       1.700.000
Romania                                  1.000.000                          250.000
Serbia                                      1.008.240                         355.164
Montenegro                                   50.000                           13.325
Germania                               13.250.000                       1.980.000
Austria-Ungheria                       9.000.000                       1.541.817
Bulgaria                                      400.000                           32.772
Stati Uniti                                 4.272.521                           67.813
Canadà                                       628.064                           51.624
Africa del Sud                             136.070                              7.184
Giappone                                    800.000                              4.661
Australia                                     412.953                            59.337

Totale                                    65.848.164                        9.093.335

I morti italiani per diretta causa di guerra si calcolano intorno a 680.000, ma bisogna aggiungervi una quota della mortalità verificatasi nella popolazione per concause di guerra, raggiungendo così la cifra di circa 750.000 vite umane.

          

Ecco come finisce quel grido “viva la guerra”

che bisognava levare al cielo:

i più sfortunati, in un campo pieno di anonime croci!

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 03 Settembre 2015 15:21  

Produzioni

Libro 85°

Libro 90°

Prossima Adunata

2017-treviso