Gruppo Alpini di Barzanò

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Direttiva Europea sulla Privacy

    Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione, le autenticazioni e altre funzioni minori. Sfogliandolo, accetti che i cookie vengano utilizzati sui tuoi dispositivi.

    Visualizza Direttiva

LA GRANDE GUERRA

E-mail Stampa

 

GLI STUDENTI DELLA TERZA MEDIA DI BARZANO' A SCUOLA DI PACE

Gli studenti delle quattro sezioni del terzo anno della scuola media di Barzanò lunedì 29 Febbraio hanno assistito a una lezione molto particolare partecipando alla presentazione di due libri sul tema della "Grande Guerra" presso la sala proiezioni della scuola stessa.
Il primo dal titolo"Il Sergente Agostino-una storia della Grande Guerra",è stato scritto dalla signora Rosetta Spinelli e illustrato da Amalia Mora sulla base di una minuta rinvenuta sul frontespizio di un libro in cui il sig. Agostino faceva richiesta  di un indennizzo all'ente competente per avere combattuto al fronte.

imgp3420Si tratta di una testimonianza intensa e commovente che mette in evidenza l'atrocità della guerra e le conseguenze tragiche che essa porta con se anche dopo anni dalla fine del conflitto.
L'autrice ,leggendo alcuni passaggi del libro,ha saputo catalizzare l'attenzione degli studenti coinvolgendoli nel racconto.
Il secondo ,dal titolo "Sui Sentieri della Grande Guerra-Combattenti caduti e reduci barzanesi nella storia della Prima Guerra Mondiale",scritto dall'Alpino Raffaele Colombo è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Barzanò e del Gruppo Alpini di Barzano'.
Quest'opera è il risultato di un'approfondita ricerca presso gli archivi comunali e di Stato che,per la sua conformità alle direttive ministeriali,è stato accreditato quale progetto rientrante nel "Programma ufficiale delle commemorazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale" visitabile sul sito www.centenario1914-1918.it.  

L'autore,partendo dalla guerra Italo-Turca,attraverso le storie dei vari combattenti e seguendo un ordine cronologico,traccia un quadro completo delle vicende belliche del primo ventennio del secolo scorso creando un prezioso sussidio per chi volesse approfondire la conoscenza della nostra storia.

 

In questo libro sono messi in evidenza i migliori e i peggiori sentimenti dell'essere umano:al cinismo di alcuni comandanti fanno da riscontro l'Amor Patrio e lo spirito di abnegazione;alle fredde regole della guerra si contrappone la solidarietà e lo spirito fraterno che accomuna ufficiali e soldati.

 

Il prof. Arturo Morati,docente della scuola media,estimatore e collezionista di tutto ciò che è storia,è intervenuto sottolineando che molti ragazzi,per la posizione sociale ed economica delle loro famiglie,potevano tranquillamente "imboscarsi" ma,mossi da ideali patriottici,hanno scelto di andare a combattere perdendo la vita;altri non ancora diciottenni falsificavano la loro età pur di essere arruolati.
Erano convinti di andare a fare una breve passeggiata e poi tornare a casa,ma così non è stato.
Purtroppo l'autore Raffaele Colombo,per motivi familiari non ha potuto essere presente per cui ha delegato il Presidente Onorario del Gruppo Alpini di Barzanò,Antonio Scaccabarozzi,a portare i saluti alla Preside Dott.ssa Rizzini e al collegio docenti.
Nella sua lettera di saluto,rivolgendosi agli studenti, Colombo sottolinea che nel libro "Non troverete elogio alla guerra,non onore e gloria...leggerete la stupidità della guerra,sofferta e vissuta tragicamente sulla pelle di quei ragazzi di entrambi gli schieramenti".
Nel suo intervento,Scaccabarozzi,ha paragonato la pace a un foglio bianco sul quale si può scrivere e disegnare la storia dell'umanità con tutti i colori che i migliori sentimenti umani,primo fra tutti lo spirito di condivisione delle gioie e dei dolori,ci suggeriscono.

 

La guerra è invece un foglio nero sul quale si può scrivere e disegnare ben poco.

 Le pagine di questo libro,unitamente a documenti e oggetti risalenti al periodo 15\18 custoditi da famiglie barzanesi,serviranno per allestire una mostra presso la sede degli Alpini che si terrà nei giorni 2-3-4- e 9-10-11 Luglio prossimi in concomitanza con la tradizionale "Festa Alpina".
Con questa iniziativa gli Alpini barzanesi,eredi dei più nobili sentimenti tramandati dalle precedenti generazioni,intendono mantenere vivo il ricordo di coloro che hanno dato la vita nella speranza di lasciare ai posteri un'Italia migliore.

Antonio Scaccabarozzi

  

                              

.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Maggio 2016 15:46  

Produzioni

Libro 85°

Libro 90°

Prossima Adunata

2017-treviso