Gruppo Alpini di Barzanò

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Direttiva Europea sulla Privacy

    Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione, le autenticazioni e altre funzioni minori. Sfogliandolo, accetti che i cookie vengano utilizzati sui tuoi dispositivi.

    Visualizza Direttiva

Il Nostro Cappello

E-mail Stampa

IL CAPPELLO ALPINOIl Nostro Cappello

Sapete cos'è un Cappello Alpino ?
E' il mio sudore che l'ha bagnato e le lacrime che gli occhi piangevano e tu dicevi "Nebbia schifa!"
Polvere di strade, sole di estati, pioggia e fango di terre balorde, gli hanno dato colore.
Neve e vento e freddo di notti infinite, pesi di zaini e sacchi, colpi d'armi e impronte di sassi, gli hanno dato la forma.
Un Cappello così, hanno messo sulle croci dei morti , sepolti nella terra scura, lo hanno baciato i moribondi, come baciavano la mamma.
Lo hanno tenuto come una Bandiera.
Lo hanno portato sempre. Insegna nel combattimento e guanciale per le notti.Vangelo per i giuramenti e coppa per la sete.
Amore per il cuore e canzone di dolore. Per un Alpino, il Cappello è tutto.

(Rinvenuto nelle tasche di un Alpino caduto in Grecia)

LA PENNA NERA 

Esile lembo di un'ala, che sa di altezze infinite,
di spazi sconfinati, di dominio dei monti e del piano.

Simbolo dei soldati dell'Alpe,
perpetui nel tempo sibili di tormente, furor di battaglie,
pietà di opere buone, calvari di penne mozze...

Segno imperituto di forza, di coraggio, di sacrificio, di valore,
piantata sul Cappello Alpino, svetti nel cielo come Bandiera.

Vecchia e cara Penna Nera.

(Da una cartolina di Paolo Caccia Dominioni)

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Giugno 2015 16:09  

Produzioni

Libro 85°

Libro 90°

Prossima Adunata

2017-treviso